IL PREFETTO SOSPENDA CUSANI
Dopo la condanna per l’Hotel
due consiglieri si appellano a D’Acunto

Il Presidente della Provincia, Armando Cusani

Il Presidente della Provincia, Armando Cusani

LATINA – Si sono rivolti al Prefetto di Latina Antonio D’Acunto per chiedere la sospensione dalle cariche istituzionali e politiche del Presidente della Provincia, Armando Cusani, due consiglieri di minoranza del Comune di Sperlonga, Benito Di Fazio e Alfredo Rossi. I due esponenti dell’opposizione si sono rivolti al rappresentante di Governo e al Ministro dell’Interno ai quali hanno inviato un lungo documento, perché venga applicata la norma della legge Severino che prevede appunto la sospensione dalle cariche pubbliche di chi è condannato in primo grado.

Nel caso specifico, Cusani fu condanno dal collegio penale del Tribunale di Latina  a due anni di reclusione e  all’interdizione dai pubblici uffici per i lavori abusivi eseguiti all’Hotel “Grotta di Tiberio” a Sperlonga, di cui è comproprietario.

I due consiglieri d’opposizione rimarcano che a tutt’oggi il Comune non ha provveduto ad abbattere la parte dell’Hotel giudicata abusiva e che “l’attuale dirigente Utc, pur di non mancare di riguardo a Cusani, ha preferito essere rinviato a giudizio per rifiuti d’atti d’ufficio, per non aver applicato le sanzioni edilizie e urbanistiche previste dalla legge, all’albergo abusivo”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto