i numeri su cui riflettere

Covid, D’Amato: “Serve massimo rigore, guai a pensare che la battaglia è vinta”

Il monito dell'assessore regionale alla sanità

“Non possiamo derogare dalla linea di rigore che ha accompagnato il Lazio in questi mesi con risultati che hanno evitato finora le ulteriori restrizioni di zona rossa”. Lo dichiara in una nota l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato aggiungendo che “siamo ancora in una situazione in cui bisogna essere molto prudenti e attuare misure proporzionate”.

“Mi permetto di ricordare  – sottolinea l’assessore  che ha gestito sin dall’inizio l’emergenza pandemica – che quando è partita la seconda ondata avevamo un numero di casi giornalieri sei volte inferiori a quelli attuali, i ricoverati erano in media 600 a fronte degli oltre 3.000 di oggi, nelle terapie intensive un numero dieci volte inferiore ai 342 attuali e un numero dei decessi giornaliero tre volte inferiore. Con questa base di partenza di fronte ad una terza ondata il rischio è che vengano travolti gli argini. Ecco perché è fondamentale continuare ad abbassare la curva dei contagi e mantenere il massimo rigore. Guai a pensare che la battaglia è vinta”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto