l'intervista

Tutto quello che sappiamo su Wally, la balena grigia vista a Ponza e Gaeta

Il biologo marino Adriano Madonna: "Serve rispetto. Il sogno nel cassetto è riportarla a casa"

GAETA –  L’hanno chiamata Wally, è una balena costiera e si nutre di organismi che vivono nel sedimento del fondale marino. E’ mite, probabilmente giovane, come farebbe pensare la sua tenera e allegra confidenza con l’uomo. Stiamo imparando ogni giorno a conoscere qualcosa in più della balena grigia arrivata a Ponza e poi a Gaeta, dopo un lungo viaggio cominciato quasi dal Polo Nord.

“Come sia arrivata qui, non lo sappiamo – spiega il biologo marino di Gaeta Adriano Madonna – ma ha fatto un lungo viaggio e adesso vaga nel nostro mare macinando ogni giorno centinaia di chilometri a grande velocità. E’ una balena che si trova sicuramente in difficoltà e anche se è diventata famosa come una pin-up, non è un giocattolo. Dobbiamo trattarla con rispetto, perché è innocua, e si trova in un ambiente che non è il suo. Non nemmeno se riuscirà ad adattarsi al Mediterraneo”.

C’è anche un altro motivo per cui a Wally si deve il massimo rispetto: se ha smarrito la bussola finendo sulle coste del Lazio dopo aver attraversato due oceani, è a causa dei campi magnetici che interferiscono con il suo radar naturale che va in sinergia con il magnetismo terrestre. “Noi abbondiamo di campi magnetici esterni che  turbano questo equilibrio, è come se l’ago della bussola si mettesse a girare e non prendesse mai una direzione e allora questi animali impazziscono, come minimo perdono la rotta e capitano in quel posto del mondo dove il destino li porta e lei è finita nel Mediterraneo”.

UN’EQUIPE PER WALLY – “Con l’aiuto della Guardia Costiera cercheremo di fare di tutto per monitorare periodicamente il suo stato di salute e benessere – aggiunge il biologo marino – Abbiamo composto un’ equipe di studiosi ognuno nel suo settore per questo scopo, e possibilmente per esaminare il suo Dna e verificare se davvero provenga da una popolazione atlantica che dovrebbe esserci stata, in passato, come qualcuno ipotizza. Dato che è una balena molto socievole, ci si immergerà accanto a lei con l’ausilio di un gommone, ci sarà anche bisogno di una catena di informazioni per poter sapere dove si trova. Certo, non è un’ operazione facile, ma non bisogna tentare solo quello che è facile e certamente questa è un’impresa difficile”. Il numero da chiamare per chi la avvistasse è il 1530, solo così gli esperti potranno raggiungerla per visitarla.

L’idea ambiziosa naturalmente è quella di riaccompagnarla a casa: “Come fare, non lo sappiamo, ma ci si sta pensando. Forse rimarrà un sogno nel cassetto. Intanto facciamola stare bene”.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto