covid-19

Asl Latina: “Da oggi geolocalizziamo i casi per intervenire in maniera mirata anche con i controlli”

Il sistema illustrato dal manager Giorgio Casati

Shares

LATINA – Geolocalizzare i casi di Covid-19, ovvero prendere la cartina geografica della provincia e la mappa delle strade cittadine di ogni Comune e verificare dove sono emersi i nuovi positivi. In questo modo, durante il lockdown a Fondi venne fuori che intere strade pullulavano di contagiati e in misura minore è accaduto anche a Formia, a settembre con il primo focolaio della coda estiva.

“E’ arrivato il momento di riprendere in mano questo strumento per capire meglio che cosa succede, perché e come intervenire, conoscendo in maniera più capillare la diffusione del virus Sars Cov-2 sul nostro territorio, Comune per Comune. Anche i controlli potranno così essere  più mirati”. Lo ha detto il direttore generale della Asl Giorgio Casati spiegando che stavolta si procederà ad una geolocalizzazione anche per fasce di età.

ascolta

La decisione è arrivata dopo l’escalation dei casi in provincia di Latina, che ha sta riguardando in particolare i Comuni dell’area nord della provincia: Latina, Cisterna e Aprilia. Nel comune capoluogo i positivi attivi (al 23 ottobre) erano 431, l’8% dei quali ricoverato in ospedale. Divisi più o meno equamente tra Aprilia e Cisterna ci sono poi, altri 500 positivi attivi, di cui 50 (il 10%) hanno richiesto cure ospedaliere con ricovero. Il totale dei contagiati  nei tre comuni – due dei quali sono tra i più popolosi del Lazio –  rappresenta circa i due terzi degli attuali positivi attivi sull’intero territorio provinciale (1589).

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto