i dati Asl

Covid-19, 209 nuovi casi in provincia di Latina. Aprilia ne ha da sola 30

71 sono riferiti alla casa di riposo di Itri. D'Amato: "Nella criticità il Lazio sta tenendo"

Shares

LATINA  – Due morti e 138 i nuovi casi positivi al Covid nella Asl di Latina ai quali si aggiungono i 71 positivi della Casa di riposo di Itri, per un totale di 209.

I Comuni sono quelli di Aprilia (30), Bassiano (1), Castelforte (3),  Cisterna di Latina (13),  Cori (1),  Fondi (4),  Formia (13),  Gaeta (5), Itri (62), Latina (35), Lenola (1),  Maenza (1), Minturno (6),  Pontinia (2),  Priverno (2),
Roccagorga (5),  Sabaudia (2),  Santi Cosma e Damiano (5),  Sermoneta (5), Sezze (2),  Sonnino (1) e  Terracina (10).
Si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto.

Settantuno i casi con link al cluster di una struttura sociale per anziani ad Itri dove è in corso l’indagine epidemiologica. La Asl sta ora procedendo al trasferimento in ospedale dei pazienti ospitati nella struttura che hanno sviluppato la polmonite , mentre gli altri pazienti e il personale dipendente dovranno restare all’interno della casa di riposo in attesa di negativizzarsi e saranno sottoposti a telemonitoraggio.

A questo quadro si aggiunge la morte per Covid di due pazienti uno di Itri e uno di Latina.

Sono 2632 i casi totali da marzo ad oggi, l’indice di prevalenza è sopra il 45 ogni diecimila abitanti, 1770 sono i positivi attivi, 47 i deceduti e 815 i guariti, 131 i pazienti ricoverati.

Su circa 23mia tamponi nel Lazio si registrano oggi 1.687 nuovi positivi, 9 decessi, e 94 guariti.” Roma e il Lazio stanno tenendo anche se in un contesto di allerta massima e forte pressione sulla rete ospedaliera, che si sta rapidamente riorganizzando in funzione dell’ultimo decreto – commenta l’assessore D’Amato – . Il bando straordinario di reclutamento personale medico in quiescenza necessario perché in tutta Italia sono carenti alcune specializzazioni a partire da quella di anestesia e rianimazione”. Sono 21405 gli attuali positivi nel Lazio.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto