le novità

Campagna vaccinale, nel Lazio dal 1° giugno il nuovo vaccino tedesco “Covirac”

A fine maggio vaccini in farmacia e dai medici di famiglia per gli over 50

LATINA – Ci sono novità nella campagna vaccinale anti covid19 e le principali sono che, da fine mese di maggio, farmacie e medici di medicina generale partiranno con la somministrazione del vaccino per la fascia d’età under 50.

Per quanto riguarda in particolare i medici di base dal 17 maggio i pazienti potranno prenotare il proprio vaccino presso gli studi del proprio medico di famiglia, così come concordato nell’incontro tra Fimmg (Federazione dei medici di famiglia del Lazio) e la Regione Lazio.

GLI STEP – In particolare, secondo l’accordo intervenuto, dal 17 maggio, saranno consegnate 2 fiale  di Pfizer a settimana per ogni medico, per i soggetti fragili, equivalenti a 12 dosi. Nella stessa data verrà aperta la possibilità per i soggetti ultraquarantenni di vaccinarsi solo  presso  proprio medico di medicina generale con Astra Zeneca o Johnsson & Johnsson, diversamente si dovrà aspettare  l’apertura della fascia.

Dal  20 maggio, invece, verranno consegnati ai medici di famiglia  20.000 dosi settimanali di Johnsson & Johnsson per le fasce consentite.

Da giugno sarà possibile vaccinarsi con il nuovo vaccino a M-Rna di produzione tedesca Curevac, il quinto ad entrare in distribuzione.

IN CARCERE CON MODERNA – Come è noto la campagna vaccinale ha raggiunto anche gli istituti di pena del Lazio. A Latina, nel carcere di Via Aspromonte, vaccinati il 53% dei detenuti (67 sui 124 detenuti attualmente presenti). Si tratta di una delle coperture più basse. Infatti, complessivamente il  70% delle persone detenute ha ricevuto la prima somministrazione del vaccino Moderna, vale a dire 3954 su 5648 detenuti presenti nei 14 istituti di pena del Lazio (il 6 maggio), secondo il dato trasmesso dal Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria di Lazio, Abruzzo e Molise al Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Lazio.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto